Nuovi obblighi sull'Etichettatura Ambientale

Oggetto: nuovi obblighi a decorrere dal 26 settembre 2020 circa

l’etichettatura ambientale.

Vi informiamo che dal 26/09/2020 vi sono dei nuovi obblighi sopraggiunti indirizzati alle aziende che immettono sul mercato prodotti preimballati e preincartati.

Nello specifico si fa riferimento al:

D.lgs n°116 del 3 Settembre 2020 pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’11 Settembre 2020 e che recepisce la Direttive (UE) 2018/851 del 30 Maggio 2018 e la Direttiva (UE) 2018/852 del 30 Maggio 2018, modificando il Codice dell’Ambiente ed entrando in vigore il 26 Settembre 2020.

L’oggetto del nuovo D.lgs è la sostenibilità ambientale del packaging, vale a dire tutti i materiali che costituiscono l’imballaggio di un prodotto immesso sul mercato.

Le modifiche sostanziali apportate riguardano i “Criteri informatori dell'attività di gestione dei rifiuti di imballaggio” per facilitare la raccolta, il riutilizzo, il recupero ed il riciclaggio degli imballaggi, nonché per dare una corretta informazione ai consumatori sulle destinazioni finali degli imballaggi.


GLI OBBLIGHI


Nello specifico, si impone che tutti gli imballaggi siano “opportunamente etichettati” secondo le modalità stabilite dalle norme tecniche UNI e in conformità alle determinazioni della Commissione dell’Unione Europea.

Sarà essenziale quindi indicare la natura dei materiali di imballaggio utilizzati per una corretta identificazione e classificazione.


LE AZIENDE INTERESSATE


Sono quelle che assemblano l’imballaggio finito, cioè quello che si presenterà all’utilizzatore finale.

Per assolvere i nuovi obblighi normativi occorrerà inserire in etichetta:

  • la tipologia di simboli e codici alfanumerici da utilizzare riguardanti la natura del materiale di cui è composto l’imballaggio

  • le indicazioni per lo smaltimenti (indifferenziato o differenziata)

  • l’adeguata collocazione di queste indicazioni nell’imballaggio (nelle singole componenti separabili, nel corpo principale dell’imballaggio, ecc...)

SANZIONI


Chiunque immetta nel mercato interno imballaggi privi dei requisiti è punito con la sanzione amministrativa da 5.200 € a 40.000€.


CONCLUSIONE


Invitiamo pertanto a prendere contatto con il nostro studio allo 091587788 oppure per email a info@sogestambiente.it, poiché disponiamo delle risorse e delle conoscenze in grado di creare l’etichetta ambientale secondo le nuove direttive.

Vi ricordiamo che per svolgere quest’adempimento è necessario disporre delle schede tecniche e/o dichiarazione da parte dei vostri fornitori di imballaggi. Per eventuali altri chiarimenti, lo studio So.Gest Ambiente, rimane a vostra disposizione.